in SEOWolf - Il blog SEO del signor Capolupo

Il mio sito è lentissimo: cosa fare?

Il tuo sito è diventato una lumaca e non riesci a capire perchè? Nessun problema: c’è sempre un modo per risolvere! Quando un sito smette di funzionare, infatti, ci sono molte cose che bisognerebbe andare a controllare: inutile sottolineare, quindi, che un’analisi seria dovrebbe sempre interessare tutti i singoli punti, e questo molto spesso (per ragioni di tempo o competenze non adeguate) non è possibile farlo.

Che strumenti bisogna usare?

Gli strumenti per i check sono moltissimi, e non tutti sono gratis – anche se molti, almeno a livello base, lo sono; il problema è anche scegliere quelli giusti e saper capire i risultati che ci danno. Alcuni strumenti interessanti lato SEO (che poi interessano tecnicamente il sito stesso, in molti casi), ad esempio, sono indicati nella sezione risorse del sito. In genere, ovviamente, nessuno ha la bacchetta magica per risolvere i problemi.

In genere per valutare le prestazioni del sito bisogna valutare:

  • i tempi di risposta del server;
  • i tempi di risposta per l’invio del TTFB;
  • i tempi di caricamento dei vari “pezzi” HTML che compongono la pagina.
LEGGI ANCHE:   FAQ: le 18 domande più frequenti poste dai clienti in ambito SEO

Quali CMS si possono correggere?

Quasi tutti, a meno che non siano davvero molto vecchi. I CMS più utilizzati sono WordPress e Joomla!, ma è possibile intervenire su siti web scritti ad esempio in PHP o con sorgente proprietario (ad esempio un sito che ti ha venduto un’azienda su misura per te). Se nel primo caso è più agevole per noi tecnici intervenire, nel secondo spesso è difficile o sconsigliabile farlo: molto meglio, nel secondo caso, chiedere direttamente a chi vi ha fatto il sito (al webmaster).

Problemi tipici

Vedremo adesso quali sono i problemi tecnici più comuni che possono interessare un sito e che, nello specifico, tendono a rallentarlo; ad esempio abbiamo i seguenti.

  1. tempi di caricamento molto lunghi (più di 3-4 secondi);
  2. parti del sito che caricano più lentamente di altre;
  3. sito caricato in modo incompleto.

Lentezza del sito e SEO

In genere la velocità del sito è considerata un fattore di ranking in positivo, nel senso che Google lo valuta bene. Se il sito è lento potrebbe anche avere difficoltà a posizionarsi, in effetti; se le pagine vengono caricate solo in parte, potreste avere problemi in fase di indicizzazione e posizionamento dei vari contenuti.

LEGGI ANCHE:   Meglio un sito con struttura a sotto-domini oppure a sotto-directory?

Non è detto, inoltre, che un sito che si vede bene sul browser sia visto correttamente da Google: ci sono infatti molti fattori che andrebbero presi in considerazione (se le pagine sono scansionabili, ad esempio, e se il robots.txt permetta di scaricarle a Google). Intervenire sulla velocità del sito e migliorarla anche un po’ può essere, alla lunga, una vera e propria ottimizzazione come potrebbero esserlo, ad esempio, migliorare i title, aggiungere le meta description oppure aggiungere backlink al sito.

Devi fare acquisti per la tua azienda? Prova Amazon Business

Aspetti che possono influenzare la lentezza, quando non funziona più

Il dettaglio del tuo sito ovviamente potrebbe dipendere da altri fattori come:

  1. troppi plugin nel sito;
  2. sito progettato in modo poco efficente;
  3. grafica o CMS troppo lento o con dei bug;
  4. presenza di bug che stanno riempendo il log di errori;
  5. traffico generato da bot che potrebbero rallentarvi il sito dall’esterno (problema di sicurezza del sito o dell’hosting);
  6. hosting configurato in modo scorretto (ad esempio a livello di permessi dei file);
  7. hosting non adeguato a sostenere il carico di visite;
  8. sito non aggiornato o non più funzionante dopo un aggiornamento del sito (plugin, theme, moduli, core, ecc.).
LEGGI ANCHE:   Come simulare ricerche su Google da qualsiasi posizione e con qualsiasi dispositivo

Come fare a risolvere

In genere puoi provare anche da solo, ma non sempre sarà facile agire. Per risolvere i problemi del tuo sito ed essere quantomeno sicuro di trovare una soluzione utile, può essere utile l’intervento di un professionista del web che si paghi ad ore: è semplice, economico e si fa tutto via email o Skype, comodamente da casa tua o dall’ufficio.

Ciao! Sono Salvatore Capolupo, sono ingegnere informatico e mi occupo di web da quasi 20 anni. Per saperne di più guarda la mia offerta per l’analisi SEO del tuo sito oppure (se hai problemi tecnici) richiedi una consulenza ad ore.

 

Il mio sito è lentissimo: cosa fare?
Valutazione: 4/5 basata su 1555 votanti.
Parliamo di SEO: ecco alcuni dettagli su come migliorare la SEO. Per un preventivo gratis contattami.