Pubblicato il

Ragionare sui backlink: aspetti da non trascurare

L’ossessione per la ricerca spasmodica di link può facilmente portarci fuori strada: ecco perchè, ancora oggi, è importante ragionare su una strategia che possa portare frutti nel medio-lungo periodo, evitando di andare sullo spam e cercando sempre i migliori siti con cui instaurare collaborazioni e partnership di ogni genere.

Pubblicità

Hosting WordPress? Nessun problema, c'è SiteGround

Distribuire bene i link destinazione

Quando si fa link building, infatti, una delle cose più importanti sono senza dubbio i link: in particolare il link destinazione può andare sulla home oppure su una pagina interna del nostro sito (deep link, in questo caso), ma la cosa davvero importante è che i link siano distribuiti in modo uniforme all’interno della strategia, evitando di linkare sempre la stessa pagina da siti diversi: è irrealistico che avvenga nella realtà, e può portare a penalizzazioni da parte di Google.

Guardare tutte le caratteristiche della pagina che ci linka

Di solito badiamo all’anchor text, cercando di farla coincidere in tutto o in parte con la chiave di ricerca per cui ci stiamo posizionando; ma non è il solo fattore da prendere in considerazione. Anzitutto badiamo anche al title della pagina che ci linka, perchè potrebbe essere rilevante per portare traffico di riflesso da parte di visitatori che cercano cose affini o simili a quelle che trattiamo nel nostro sito web.

Poi badiamo al contesto della pagina, cercando di fare in modo che ad esempio il guest post che scriviamo sia ben contestualizzato e sia privo di forzature rispetto anche al resto del sito: se pubblichiamo un guest su un sito di trattori per un blog di fotografia, non lamentiamoci se poi ci penalizzano (a meno che il fotografo non abbia fatto le foto ai trattori, ovviamente!).

LEGGI ANCHE:   Come fare SEO senza spendere tanto (ahahahah)

Trovare link di qualità

In molti casi, qualità è sinonimo di buon posizionamento: se ci linkano siti buoni, saliremo su Google prima o poi. Ed in molti casi la qualità si trova nei siti curati, in quelli che non fanno postare chiunque (altrimenti tutti finirebbero in prima pagina) e cercare sempre di cercare con una dose di originalità, facendosi venire idee che alla concorrenza non verrebbero mai. D’accordo provare ad imitare i link altrui, ma è anche importante cercare più modi diretti (chiedere link) e indiretti (scrivere bene nel proprio blog per ottenere link spontanei).

I forum, in tal senso, se usati con accortezza possono ancora oggi essere una cosa interessante da sfuttare lato link building.

I link devono servire a qualcosa

Se li piazzate sitewide non servono a molto: sono evidentemente link di favore in almeno la metà dei casi e Google li penalizzerà, prima o poi; quindi lasciate perdere i link nei widget e nel footer, e cercate di ottenerli da articoli e pagine singole one-way, cioè senza linkare voi a vostra volta il sito che vi ha linkato. Non è facile che il link sia anche utile, ma se lo sarà potrà giovare moltissimo alla vostra SEO specie nel medio-lungo periodo.

LEGGI ANCHE:   Come fare SEO su un blog

Sfatiamo le paure sul nofollow

Da tempo il nofollow è oggetto di discordia tra i SEO: c’è chi dice che non servano a nulla (specie i SEO old school), c’è chi gli da’ un valore anche minimo (io e Di Biasi di SEOZoom, ad esempio, rientriamo in questa seconda scuola di pensiero). La verità credo stia nel mezzo, perchè se tutto il web diventasse nofollow come link offerti, come stava diventando da qualche tempo, come faremmo a quel punto a posizionare i nostri siti?

Il punto è proprio questo: non siamo in piazza e non siamo su Facebook, dove ognuno dice quello che gli pare senza pagarne le conseguenza. Se su una cosa non se ne sa nulla, bisogna rispettare questa idea – per cui i link nofollow valgono, almeno in teoria, quanto i dofollow e tutto fino a prova contraria. Sono un ottimo modo, comunque, per rendere il profilo di link sicuro nel suo insieme, “calmierando” eventuali azioni che abbiate effettuato che siano un po’ più spinte; da quello che ho visto, questa strategia alla lunga paga e i nofollow vi faranno un po’ da “scudo” da penalità, a mio parere.

Meno pippe mentali, quindi, e lavoriamo sempre sulla nostra SEO, ogni giorno.

Ragionare sui backlink: aspetti da non trascurare
Valutazione: 4/5 basata su 1792 votanti.
Parliamo di SEO: ecco alcuni dettagli su come migliorare un sito. Per un preventivo gratis contattami.